Il Comune di Spilamberto, a partire dall’edizione 2016 della Fiera di S. Giovanni, ha adottato un sistema di gestione dei propri eventi in accordo allo standard internazionale UNI ISO 20121 (norma internazionale recepita nel 2013 dall’ente nazionale italiano di unificazione che specifica i requisiti di gestione per l’organizzazione sostenibile di eventi).

Si tratta di una grande operazione di attenzione verso l’ambiente ed il sociale che impegna organizzazione e visitatori. Un evento è sostenibile quando è ideato, pianificato e realizzato in modo da minimizzare l’impatto negativo sull’ambiente e da lasciare una eredità positiva alla comunità che lo ospita. La ISO 20121 supporta le organizzazioni nel: migliorare continuamente la performance di sostenibilità, ridurre i costi grazie ad un uso razionale di energia e prodotti; ridurre l’impronta ecologica dell’evento; ridurre i rischi associati alla gestione degli eventi, accreditare il proprio impegno a livello internazionale; coinvolgere, rispettare e soddisfare le aspettative dei partecipanti; aumentare l’appeal nei confronti di potenziali sponsor e migliorare l’immagine dell’ente.

Parlare di sostenibilità significa agire su tre livelli: responsabilità economica, sociale e ambientale.

In particolare gli obiettivi sono:

Ambientali valutazione dei carichi ambientali dell’evento; differenziazione e riduzione dei rifiuti; riduzione progressiva della carta; riduzione delle emissioni di CO2; sensibilizzazione sulla mobilità sostenibile; preferenza per allestimenti e materiali ecocompatibili; applicazione dei criteri GPP per alcuni prodotti; fornitura di energia elettrica da fonti green e certificate.

Etico-sociali attenzione al benessere animale; coinvolgimento associazioni di volontariato nell’organizzazione; partecipazione attiva degli stakeholder anche attraverso la realizzazioni di questionari dedicati; attenzione a tutte le fasce d’età dei visitatori; promozione di artisti e artigiani emergenti attraverso l’area artingegno; sensibilizzazione verso stili di vita sostenibili; iniziative contro lo spreco alimentare; realizzazione di laboratori con associazioni di volontariato e coinvolgimento dei più piccoli con un programma di eventi dedicato.

Economici gestione attenta e trasparente del budget dell’evento; incremento negli anni della quota di sponsorizzazioni; valutazione delle ricadute economiche sugli esercizi commerciali del territorio; adozione di criteri oggettivi per la stima del numero di visitatori; valorizzazione e promozione delle eccellenze e dei prodotti agroalimentari locali, tipici, biologici a cui l’area espositiva sarà dedicata.

La politica di sostenibilità della Fiera di S. Giovanni sarà costantemente monitorata e aggiornata al fine di garantire nel tempo l’effettiva e durevole riduzione degli impatti ambientali e la valorizzazione dei benefici economici ed etico-sociali.

Nel percorso di sostenibilità, il Comune di Spilamberto ha individuato nel Gruppo Hera un importante partner per il raggiungimento degli obiettivi di carattere ambientale. Grazie a questa collaborazione, la Fiera di S. Giovanni è progettata e gestita in maniera sostenibile, in accordo con le linee guida dello standard internazionale ISO 20121. Già dall’edizione 2016 è stata data particolare attenzione all’importanza della raccolta differenziata dei rifiuti nonché alla sensibilizzazione dei visitatori sul tema. Tra le azioni messe in campo già dal 2016 ed ulteriormente sviluppate quest’anno segnaliamo in particolare: il posizionamento di isole attrezzate temporanee con servizio di raccolta specifico, la presenza – per tutta la durata della Fiera – di due sorgenti urbane e di due erogatori di acqua refrigerata naturale e gasata, momenti informativi dedicati alla cittadinanza, laboratori sul riciclo dedicati ai bambini, servizi gratuiti di pulizia e spazzamento.